Ariosto – Orlando furioso – eBook gratis download – commento – epica

ebook gratis – Orlando Furioso – Ariosto

Orlando Furioso, capostipite di un genere a noi noto come…

L’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto può essere considerato davvero il primo esempio di un genere letterario che verrà ripreso in futuro, sotto altra forma. La grande maestria di Ariosto non sta solo nella composizione di un poema in ottava rima le cui assonanze sono sapientemente mirate a riprodurre le sonorità dei campi di battaglia in cui cozzano le spade, o dei ruscelli che gorgogliano nelle amene valli, teatro di incontri amorosi. La grande innovazione della sua poetica è nell’aver scelto deliberatamente di impostare tutto il poema con una tecnica di intreccio di vicende che potrebbe essere paragonato alla moderna fiction tv. Nell’epica di Ariosto troviamo una forma di montaggio alternato in cui, scena dopo scena, ci vengono svelati segreti e passioni. Vicende che ci trascinano nel corso degli eventi storici e mitici tracciati dall’opera nel suo complesso. L’Orlando Furioso sembra la sceneggiatura di un film, in cui il regista ha scelto con cura il momento giusto per staccare da un lato e riattaccare dall’altro lasciando in sospeso l’azione per costringerci a desiderare di ascoltare il resto. La scena seguente ci distrae dal nostro momentaneo centro d’attenzione trascinandoci verso le vicende di altri personaggi e non appena questi nuovi eventi hanno catturato il nostro interesse, Ariosto stacca l’inquadratura per andare nuovamente al di là.

L’orlando furioso come poema fantasy

Ma non solo nella tecnica del montaggio di vicende diverse che si intrecciano troviamo la modernità di Ariosto, c’è anche ciò che oggi definiamo il gusto del fantasy. Maghi e streghe, cavalieri e avventurieri, viaggi lunari e infernali, battaglie e amori si dispongono nella narrazione in un vortice che verrà studiato e riprodotto dalla migliore tradizione fantasy, dal Signore degli Anelli di Tolkien al Conan di Robert Howard. Per gli appassionati del genere fantasy questo è perciò un ebook che non può non essere nella biblioteca. È una lettura che non solo ha un potere evocativo e immaginifico impareggiabile, ma risulta pienamente leggibile e gradevole anche per l’uomo di oggi. Mentre il linguaggio di Dante è effettivamente difficile, così arcaico da richiedere inevitabilmente lo studio di singoli termini o espressioni che ci costringono a interrompere la magia dell’ascolto, l’Orlando furioso è diverso, può essere letto o meglio ancora declamato (letto ad alta voce) per gustare senza remore il piacere di una lingua fluente dal sapore antico ma comprensibilissima.

La poesia dell’Orlando Furioso

La vera poesia, come diceva Aristotele, non è nel comporre in versi o in prosa, non è in questo o quel ritmo, ma è nella capacità del poeta di raffigurare le cose secondo verosimiglianza, in modo da ottenere una narrazione non vera ma possibile. Possibile inoltre, non nel senso di realistica e scientificamente spiegabile, ma nel senso che, date le leggi ipotetiche del mondo in cui ci vuole portare l’autore, esse siano mantenute per tutta la narrazione. Ne deriva un mondo che ha le sue regole, che ha una sua logica, anche se fitto di magia e di eventi “soprannaturali”, esso è coerente con se stesso. La poesia dell’Orlando Furioso è così. Ariosto riesce a dar vita ad un mondo coerente e coeso, incredibilmente ricco e colorato, sonoro. Il mio vivo consiglio, per tutti gli appassionati di fantasy che non l’hanno mai letto, è leggerlo ad alta voce. Vedrete: è una sorta di magia.

Ariosto – Orlando furioso – Epica – Ebook – download

Informazioni su Luigi Pignalosa

Nato nel sole, cresciuto nel mare, educato dal Cielo, torturato dalla terra. Mi laureo in Filosofia con il massimo dei voti (per quello che significa in Italia). Studio e sviluppo competenze nel campo della comunicazione strategica e dei media digitali. Lavoro come Strategic Communication Planner, Content writer & manager, Web project manager. Da piccolo inventavo i miei giochi perché quelli esistenti erano stati già creati. Il mio motto è "Se proprio devi fare qualcosa, fa' qualcosa che non c'è".
Questa voce è stata pubblicata in E-book, E-Book download, Epica, Letteratura italiana e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...