L’avvocato Musu denuncia Giorgio Napoletano e Mario Monti per associazione sovversiva

La denuncia di Paola Musu contro i vertici dello Stato

Secondo una notizia apparsa da poco su alcune testate giornalistiche Paola Musu, avvocato di Cagliari, il 2 aprile si è presentata nella Procura e ha presentato una denuncia (link al pdf completo della denuncia) a carico dei vertici dello Stato tra cui Giorgio Napolitano e Mario Monti, dei ministri del governo e dell’intero Parlamento italiano.  Ciò che più colpisce di questa notizia è l’elenco dei reati contestati: attentato contro l’integrità, l’indipendenza e l’unità dello Stato italiano; associazione sovversiva; attentato controla Costituzione; usurpazione di potere politico; attentato contro gli organi costituzionali e i diritti del cittadino; cospirazione politica mediante accordo e mediante associazione. L’avvocato musu infatti ritiene che l’insediamento di questo governo tecnico rappresenta una esplicita violazione dell’articolo 1 della Costituzione italiana, secondo cui la sovranità appartiene a noi, al popolo.

Le motivazioni della denuncia contro il reato di cospirazione

L’avvocato Musu, offre dei chiarimenti all’interno della sua denuncia e scrive:   «Contenuto essenziale della sovranità di un popolo è dato dalla propria sovranità in materia di politica monetaria, economica e fiscale […] Svuotare un popolo e la sua sovranità di quello specifico contenuto significa, e comporta, privarlo della sovranità stessa, in quanto lo si priva della facoltà e del potere di determinare il proprio destino ed il proprio stesso “essere”, compromettendone la sua stessa esistenza».

Secondo Musu il Presidente Napoletano e il Presidente del Consiglio Monti e gli altri ministri e parlamentari denunciati hanno «consegnato la sovranità del popolo italiano in materia di politica monetaria, economica e fiscale […] e, con essa, la sostanza essenziale ed intangibile della sovranità popolare, nelle mani di organismi esterni alla Repubblica (BCE, SEBC, Commissione), di struttura e composizione prettamente oligarchica e privi di alcun fondamento democratico e, tanto meno, repubblicano e senza che il popolo vi abbia mai manifestato espresso e formale consenso»

Riflessioni necessarie per un cittadino: teorie del complotto o amara realtà?

Vorrei commentare questa notizia che, a mio parere, merita una accurata riflessione. Esporrò il mio pensiero, ma mi farebbe molto piacere avere un confronto di idee con chi capita a leggere queste righe. Vi invito caldamente a lasciare un commento, a dire quale sia la vostra impressione di fronte a un evento come questo che allude a mostruosi scenari nascosti. Infatti è fondamentale a questo punto considerare un dettaglio importantissimo della questione, e precisamente quello riguardante lo status del denunciante. Non è una novità. La teoria del complotto è vecchia. Leggendo blog e altri canali underground (non testate giornalistiche) ci si accorge che sono moltissimi i cittadini che sostengono posizioni complottiste, secondo le quali molti esponenti (di vertice e non) del nostro panorama politico-finanziario, sarebbero membri di associazioni varie (massonerie, gruppi ideologici, consorterie di interessi) e avrebbero quindi più interesse a favorire la propria consorteria rispetto al bene pubblico. Sono moltissimi gli articoli che citano di collusioni fra gruppi finanziari privati e l’attuale governo, in cui si parla ad esempio del fatto che Mario Monti è stato advisor della banca d’affari Godman Sachs e che quindi sarebbe in qualche modo responsabile per il fenomeno di speculazione a danno dei buoni di stato italiani (causa della caduta di Berlusconi).

Ma qui la situazione cambia. Finchè sono cittadini a sostenere posizioni come queste, ci si può tranquillamente rifugiare nella confortante idea che siano tutte persone forse paranoiche o forse troppo sospettose, invidiose, male informate.

Ma quando un avvocato espone denuncia?

Un avvocato sa benissimo che esporre una denuncia senza alcun fondamento giuridico è un pericolo, non solo per lui in quanto avvocato (danneggia la sua posizione professionale) ma anche sul piano delle ripercussioni private. Perciò la domanda è questa: se un avvocato arriva a rendere ufficiale un atto del genere, mettendo in gioco tutta la sua vita e la sua carriera, non sarà il caso di prendere le sue tesi con serietà? Non sarà il caso di domandarsi cosa si nasconde tra le righe di questa denuncia?

A questo punto rimane da capire questo: è possibile che sia in atto un complotto contro la nostra libertà? Dalla risposta dipendono le azioni e dalle azioni dipende l’esito individuale (libertà o schiavitù), dalla somma di azioni dipende l’esito collettivo. La prima cosa che si può fare è condividere, parlare, diffondere queste notizie affinché tutta la cittadinanza sappia. Se credi anche tu che Paola Musu non sia una pazza ma un moderno eroe, falle sentire il tuo appoggio: commenta, poi condividi questo articolo e aderisci ad una delle iniziative sorte intorno a questo caso. Ci sono già molte iniziative a suo sostegno, ecco qualche link:

petizione a sostegno: http://www.firmiamo.it/sostenaiamo-l–avvocato-paola-musu-

pagina fecebook: https://www.facebook.com/PaolaMusu

Il mio commento personale, nel salutarti, è che siamo in una fase storica critica: per secoli consorterie varie hanno tramato nell’ombra per raggiungere una condizione di superiorità reale (opposta a parità dei diritti) che le mettesse in condizione di stringere il potere in modo mai visto prima, sulla Terra. Utilizzando il denaro come strumento pratico e la propaganda come strumento ideologico, hanno prima tagliato la testa ai re (che ponevano limiti al loro potere), poi hanno edificato delle democrazie ben sapendo che le avrebbero controllate senza problemi, infine si preparano a metterci il guinzaglio.  Cosa ne pensi, tu? E nel riflettere sull’argomento pensa che Paola Musu, nella sua denuncia contro Napolitano e Monti per associazione sovversiva, rischia tantissimo in prima persona.

Informazioni su Luigi Pignalosa

Nato nel sole, cresciuto nel mare, educato dal Cielo, torturato dalla terra. Mi laureo in Filosofia con il massimo dei voti (per quello che significa in Italia). Studio e sviluppo competenze nel campo della comunicazione strategica e dei media digitali. Lavoro come Strategic Communication Planner, Content writer & manager, Web project manager. Da piccolo inventavo i miei giochi perché quelli esistenti erano stati già creati. Il mio motto è "Se proprio devi fare qualcosa, fa' qualcosa che non c'è".
Questa voce è stata pubblicata in Denunce e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...