Frammenti di un Racconto Fantascienza – Spacepills | La compositrice di storie neurali

pillole di vari colori

Le Space Pills sono frammenti narrativi, pezzi di fantasia e di fantascienza. Se vogliamo sono anche le cellule di una creatura in gestazione. Un romanzo di fantascienza che presto (o tardi) aprirà al lettore la mia personale visione del futuro. Per ora il romanzo non c’è, c’è un guazzabuglio di persone, eventi, luoghi… e così nascono le Space Pills. Buona lettura.

.

Pecetta Teti Delonia

una donna fatta di luce su sfondo blu cosmoFemmina, di origine terrestre, nata nel 2756 da Massimo Teti d’Aargon e Bobula Delonia Hash.  Fin dai sei anni ha compreso la potenza del suo fascino e l’ha usata nella competizione con le compagne di apprendimento, vuoi per influenzare a proprio vantaggio i docenti maschi e trarne tutta una serie di riconoscimenti e gratifiche psicologiche, vuoi per alienare l’attenzione dalle compagne e catalizzarla su di sè. Con i maschi era adorabile, ma con le femmine era diversa. Spinta da una forte competitività tendeva ad entrare in conflitto costante, tanto con le compagne che con le docenti. Un giorno provò a ridicolizzare Haifa Einen Reid, la sua docente di materie plastiche, ponendole un interrogativo sessuale complesso in una situazione delicata. La docente trovò il verso di non perdere l’equilibrio e l’autorità  davanti al gruppo di apprendimento ma provvide nei giorni seguenti ad erogare tutta una serie di fastidiosissime stimolazioni psicologiche a danno di Pecetta e beneficio del buon umore generale. Da quel giorno anche nel confronto con le docenti femmina ha trovato la giusta umiltà per non risultare presuntuosa. Ma fingendo. Terminate le fasi di apprendimento standard Pecetta viene spedita dal padre su Sern II, sistema Cassiopea, per apprendere l’arte complessa della riproduzione sensoriale digitalizzata. La ragazza, quando arrivò sul Gallup, capitale di Sern II, era ormai diventata un esemplare di femmina con un corpo molto sensuale, un seno atmosfericamente perfetto, una schiena con un finale da colossal ed un volto eccezionalmente equilibrato. Tutto ciò senza alcun ritocco di manipolatori. Le coetanee più belle avevano tutte utilizzato una serie di accorgimenti per riuscire in quel risultato. Lei no, lei era naturalmente e biologicamente meravigliosa. Per questo su Sern II ha spopolato ed è riuscita ad attirare l’attenzione tanto di ogni fornitore di apprendimento quanto dei competitori coetanei. Pecetta però non si era mai abbassata a prostituirsi e aveva solo imparato a sfruttare al meglio la sua carica erotica tramite un sensuale gioco del dare. La sua fama era di donna intoccabile e algida, nessun uomo aveva avuto l’onore di baciarla. Tuttavia era diventata bravissima nel suggerire al suo bersaglio un pensiero erotico dandogli l’impressione di concedere a lui l’onore di essere il primo che avrebbe potuto averla. Pecetta però dava solo la sua immagine lasciando i suoi ammiratori in una permanente fame, un desiderio inappagabile che valeva molto più del concedersi. Stuzzicava l’egocentrismo dei maschi e giocava sulle loro illusioni.

Al termine del corso di preparazione operativa era non solo una delle più brave registe di storie neurali digitali, ma era anche la più celebre giovane regista del sistema di Cassiopea. Da quel giorno la sua vita è stata un’ascesa di importanti incontri ed eventi. Il momento di svolta è stato quando il consigliere Wilson Bomander Happa del pianeta Aster Goliat, sistema di Molten B56, ha voluto a tutti i costi che fosse lei a dirigere la storia neurale del Memorial day di Aster. Wilson, in occasione di questo evento celebrativo, il più importante per le colonie del sistema di Molten, voleva che il trepidante pubblico non vivesse un consueto evento collettivo per le celebrazioni ma un qualcosa di assolutamente nuovo. Pecetta, aiutata da un suo amico Berny, un esperto sintetizzatore chimico, si svincolò dalla normale tecnica di composizione delle storie neurali e introdusse nell’algoritmo di stimolazione un mix di formule che riproducevano gli effetti dei maggiori stupefacenti chimici. Miscelò il tutto con una trama a base di amore e morte incentrata sulla conquista del pianeta Aster da parte dei primi coloni terrestri. In sole cinquanta unità di tempo standard confezionò l’ambientazione basica e, aiutata dal team di sviluppatori, la riempì con tutti gli elementi variabili della storia. Il delirio collettivo fu totale. Dodici ore di vibrazione collettiva planetaria, sei milioni di connessioni ad alto impatto psichico. Django Hamilton Ross, cronista della Moody di stanza su Aster Goliat, ne parlò talmente bene che in breve la fama di Pecetta si diffuse su tutti i sistemi dell’Ordine. Attualmente Pecetta, oltre a comporre storie neurali di gran successo, lavora come consigliere esterno per il Ministero della Pubblica Opinione del ventisettesimo governo Google.

Informazioni su Luigi Pignalosa

Nato nel sole, cresciuto nel mare, educato dal Cielo, torturato dalla terra. Mi laureo in Filosofia con il massimo dei voti (per quello che significa in Italia). Studio e sviluppo competenze nel campo della comunicazione strategica e dei media digitali. Lavoro come Strategic Communication Planner, Content writer & manager, Web project manager. Da piccolo inventavo i miei giochi perché quelli esistenti erano stati già creati. Il mio motto è "Se proprio devi fare qualcosa, fa' qualcosa che non c'è".
Questa voce è stata pubblicata in Fantascienza, Narrativa, Personaggi, Space Pills e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Frammenti di un Racconto Fantascienza – Spacepills | La compositrice di storie neurali

  1. Anonimo ha detto:

    Caro Luigi, è un racconto veloce, con ritmo, simpatico nel finale.
    Un bacio pap.

  2. CervelloBacato ha detto:

    Ahah concordo, molto carino il finale🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...